autorizzazione paesaggistica

In materia di autorizzazione paesaggistica il Comune deve motivare adeguatamente la compatibilità  con il vincolo paesaggistico dell’opera assentita, sussistendo, in caso contrario, illegittimità  per carenza di motivazione o di istruttoria.
L’autorità  statale, che individui tale vizio deve nel proprio provvedimento motivare la non compatibilità  degli interventi programmati rispetto ai valori paesaggistici compendiati nel vincolo, per evitare che il proprio atto sia a sua volta illegittimo.
Cons. Stato Sez. VI, 23/05/2011, n. 3037

post 2011