legge Pinto

L’Avv. Danilo Iacobacci si occupa della procedura per il risarcimento dovuto alla lungaggine del processo.

Il diritto ad essere risarciti deriva dalla legge n. 89 del 2001, più nota come Legge Pinto, che sanziona la lunghezza dei procedimenti allorquando essi abbiamo una irragionevole durata, siano essi giudizi civili, amministrativi, penali, di lavoro, fallimentari, tributari od altro. Per avviare la procedura è necessario che il giudizio (in corso o già conclusosi) abbia superato la ragionevole durata, la quale si individua in almeno tre anni per il giudizio di primo grado, in due per l’appello, in uno per quello di Cassazione.

Giurisprudenzialmente viene solitamente riconosciuta la somma di circa mille euro di indennizzo per ogni anno di ritardo rispetto alla durata ragionevole del processo, purché il ricorso venga proposto nel termine (pena la decadenza) di sei mesi dal passaggio in giudicato della sentenza che definisce il giudizio di cui si lamenta l’ eccessiva durata.